Il territorio

I Vini della Strada

I percorsi

L'ospitalità

Suggerimenti di viaggio

Photo gallery

Calendario eventi

luglio

L
M
M
G
V
S
D
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
31

agosto

L
M
M
G
V
S
D
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
31
Sei in: Home page » I vini della strada » [Vino Timorasso]

IL TIMORASSO

Dopo decenni d'oblio dagli anni Ottanta del Novecento, grazie alla tenacia di alcuni volonterosi ed intraprendenti vignaioli, il Timorasso è protagonista di una grande riscoperta.

Segnalato nelle carte dei vini di alcuni dei migliori ristoranti italiani e stranieri, questo vino riscuote sempre più consensi e con Barbera e Cortese è il fiore all'occhiello dell'attuale vitivinicoltura tortonese.

Parte del patrimonio Ampelografico di Liguria, Piemonte, Lombardia ed Emilia Romagna e denominato nella documentazione archivistica anche Timoraccio, Timorosso, Timorazza, Morasso, Timuassa, si presume che quest'antico vitigno sia originario di una zona tra Liguria e Piemonte, individuabile tra Novi Ligure e Tortona.

Nel Bollettino Ampelografico del 1885, dedicato alla Coltura dell'uva da tavola in Italia, nel Tortonese era segnalato con il Cortese tra le uve bianche più coltivate e classificato come una varietà di vitigno a doppia attitudine, da tavola e da vino.

Per le sue caratteristiche agronomiche e le sue esigenze ambientali e colturali: ridotta vigoria vegetativa, abbondante vegetazione, portamento eretto, elevata fertilità e maturazione piuttosto precoce, di solito questa vite era allevata anche nelle zone più elevate. Non stentiamo quindi a immaginare in passato rigogliosi vigneti di Timorasso, che dalle pendici del monte Giarolo degradavano nelle colline del Curone e del Borbera, con alcune estensioni nel Genovesato e nel Piacentino.

Colli Tortonesi Timorasso

Caratteri distintivi

  • Colore: giallo paglierino più o meno intenso;
  • Odore: caratteristico e fragrante;
  • Sapore: di buona struttura e armonico;
  • Alcolicità minimo: 12°;
  • Acidità totale minima: 5 g/l;
  • Estratto non riduttore minimo: 17 g/l.

Uve di produzione

Uve Timorasso il 95% da uve del vitigno omonimo. Per la parte restante possono concorrere vitigni a bacca bianca, idonei alla coltivazione nella Regione Piemonte. E' previsto un periodo di invecchiamento obbligatorio di 13 mesi, a partire dal 1° novembre successivo alla vendemmia.

Abbinamenti gastronomici

Il Colli Tortonesi Timorasso si abbina gradevolmente con antipasti caldi e freschi, primi piatti anche di marcata sapidità e preparazioni a base di carni bianche sole o accompagnate da legumi e verdure. Se invecchiato è ottimo con i formaggi stagionati, ma diventa anche un vino da meditazione.